Befane, zitelle, streghe…donne!

…la Befana vien di notte,
con le calze tutte rotte,
con le toppe alla sottana…
VIVA VIVA la Befana!

Per fortuna questa filastrocca è benevola con la nostra malandata patrona del 6 gennaio, ma sappiamo che spesso “Befana” è un epiteto molto poco gentile, rivolto alle donne per etichettarle come ZITELLE noiose e inacidite.

Il fatto che poi la befana sia dotata di scopa, voli, e possa estrarre dal suo calderone anche carbone per i “bimbi cattivi”, rende molto facile associarla alle STREGHE, capaci di ben altre magie e, per questo, punibili ferocemente.

Ci sono FASI in cui noi donne in effetti incarniamo l’ARCHETIPO della befana: possono essere periodi brevi, legati al CICLO: la settimana prima del mestruo ad esempio molte di noi diventano più sensibili, apparentemente più scontrose, meno inclini a sopportare in silenzio quelle che sentiamo come piccole o grandi ingiustizie.

Oppure possono essere periodi più lunghi, in cui ci RITIRIAMO in noi stesse, magari trascurando un pò l’aspetto esteriore a favore di una maggiore attenzione per quello che avviene nella nostra INTERIORITA’.
In questi momenti, anche la socialità si riduce, ed è più facile che cerchiamo la compagnia di altre donne con cui condividere stati d’animo e i frutti delle nostre ricerche nel profondo.

Il mio invito, oggi, è di ACCOGLIERE e CELEBRARE le vostre “fasi befanesche” :)
Non c’è niente di sbagliato nè in voi, nè nel vostro corpo, nè nella vostra psiche. Al contrario, ci sono grandi potenzialità che non vedono l’ora di esprimersi, e possono farlo solo se concederete loro la massima attenzione.

E agli uomini che avessero voglia di CAPIRE un pò meglio quello che ci succede, il suggerimento è semplicemente di essere PRESENTI.
Senza voler AGGIUSTARE il nostro stato d’animo (non siamo “rotte”!) nè usare il sarcasmo per mettere a tacere delle VERITA’ un pò scomode che finalmente ci permettiamo di esprimere.

Se vi concederete di essere TESTIMONI di queste nostre fasi di TRASFORMAZIONE, potreste avere la bella sorpresa di essere coinvolti nel nostro vortice, sperimentando anche voi una bella LIBERAZIONE dagli stereotipi.
Come in una danza: se non sentite la musica, come fate a capire perchè balliamo? ;)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...