Onorare la morte, celebrare la vita

“Nella vecchia Cina molti tenevano in casa la loro bara per ricordarsi della propria mortalità; alcuni ci si mettevano dentro quando dovevano prendere decisioni importanti, come per avere una migliore prospettiva sulla transitorietà del tutto.
Perché non fingere per un attimo di essere ammalati, di avere i giorni contati – come in verità si hanno comunque – per renderci conto di quanto preziosi siano quei giorni?”
(da “Un altro giro di giostra” di Tiziano Terzani)

Credo che anche giornate come quella di oggi servano a ricordarci di onorare la morte, non come spauracchio ma anzi, per celebrare la vita.

E’ un tema sicuramente delicato, ma troppo spesso secondo me viene trattato al pari di un TABU’: non se ne può parlare apertamente, è tuttora circondato da un alone di superstizione, viene sovente esorcizzato con battute e gesti scaramantici.

Eppure, è parte integrante della vita, oserei dire che è proprio ciò che le dà il SENSO più profondo.

Perché allora non approfittare della ricorrenza di oggi per CELEBRARE tutti i giorni che abbiamo vissuto finora, nel bene e nel male?
Perché non rendere omaggio anche agli ANTENATI, grazie ai quali è stato possibile per noi aprire gli occhi al mondo?
Perché non dedicare un po’ più di tempo del solito alla MEMORIA di chi ci ha percorso con noi una parte del cammino, e poi si è avventurato in luoghi che a noi non è ancora dato conoscere?

Ancora una volta, osserviamo la NATURA: con quanta grazia gli alberi si spogliano di ciò che ormai ha compiuto il suo tempo, per prepararsi ad accogliere quello che verrà.
E le foglie cadute diventano nutrimento, tornano in un’altra forma ad essere linfa vitale.
Se così non fosse, la RINASCITA in primavera non sarebbe possibile.

Questo tempo in cui anche le giornate sono più corte può aiutarci a riflettere su cosa ormai ha compiuto il suo destino, ed è quindi giusto LASCIAR ANDARE.
Ma è anche un ottimo periodo per riflettere su quali sono i SEMI DEL NUOVO che è necessario piantare ora, perché possano maturare nei prossimi mesi e sbocciare rigogliosi nella tiepida luce primaverile.

I più avventurosi potrebbero spingersi a simulare una conversazione con il proprio sé alla fine dei suoi giorni: avrebbe fatto qualcosa di diverso? Di cosa è felice?
Questo esercizio spesso mi è servito a prendere DECISIONI che mi spaventavano, ma che la prospettiva di un grande RIMPIANTO mi ha aiutato a vincere.

Buon 2 novembre a tutti!

Salva

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...